Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Chiare, fresche et dolci acque - Petrarca

Chiare, fresche et dolci acque,
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo ove piacque
(con sospir' mi rimembra)
a lei di fare al bel fiancho colonna;
herba et fior' che la gonna
leggiadra ricoverse
co l'angelico seno;
aere sacro, sereno,
ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse:
date udïenza insieme
a le dolenti mie parole extreme.

S'egli è pur mio destino
e 'l cielo in ciò s'adopra,
ch'Amor quest'occhi lagrimando chiuda,
qualche gratia il meschino
corpo fra voi ricopra,
et torni l'alma al proprio albergo ignuda.
La morte fia men cruda
se questa spene porto
a quel dubbioso passo:
ché lo spirito lasso
non poria mai in piú riposato porto
né in piú tranquilla fossa
fuggir la carne travagliata et l'ossa.

Tempo verrà anchor forse
ch'a l'usato soggiorno
torni la fera bella et mansüeta,
et là 'v'ella mi scorse
nel benedetto giorno,
volga la vista disïosa et lieta,
cercandomi; et, o pieta!,
già terra …

Ultimi post

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io - Dante Alighieri

Ho sceso, dandoti il braccio - Montale

Sonetto della neve, Corazzini

VENTO A TINDARI, QUASIMODO (Voce di Roberto Herlitzka)

Alle fronde dei salici, Quasimodo

L’ASCENSORE, Caproni

Litanìa, Caproni

Ultima preghiera, Caproni

ALLA SERA, Ugo Foscolo

La Pioggia nel Pineto, D'Annunzio